Editoriale

151
Chi ha orecchi... Anno III - N. 12 - Dicembre 2000 foto di Pina Catino

Sentire, ascoltare, udire, sono verbi che nel linguaggio quotidiano vengono usati indifferentemente, eppure, notevoli sono le differenze, soprattutto dal punto di vista semantico. Si sa che la lingua non è qualcosa di statico e immutabile. La cultura interagisce con la società e con altre culture, rispecchia il costume e quindi trasforma prima il significato e […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.