Galanzino secondo nella maratona per il clima

270

Ha conquistato il diritto di partecipare all’ultima tappa della «4 deserti», che si svolgerà in Antartide il prossimo gennaio

Dopo la «Gobi March» in Cina e l’«Atacama Crossing» in Cile, Francesco Galanzino, testimonial della campagna Energia e Clima di Greenpeace, ha superato la terza ultramaratona della «4 deserti», arrivando secondo alla «Sahara Race», conclusasi ieri. Il maratoneta italiano è stato preceduto solo dal danese Jimmi Olsen, e si conferma come uno dei più forti runner al mondo, dopo il secondo posto in Cina e il terzo in Cile.

Galanzino ha percorso ben 250 chilometri, in sei tappe, con la scritta Greenpeace sulla maglia. Giunto al traguardo, tra le Piramidi e la Sfinge, ha aperto, come nelle due maratone