Catani ha vinto il Premio Italia per la fantascienza

112

Vittorio Catani (Lecce, 1940) scrive narrativa e saggistica, soprattutto di fantascienza.
Il suo primo racconto pubblicato apparve nel 1962 sull’edizione italiana della rivista americana «Galaxy». Nel 1989 ha vinto la prima edizione del Premio Urania (Mondadori) con il romanzo «Gli universi di Moras». La sua produzione annovera due romanzi, tre volumi di articoli e saggistica, un’antologia scolastica (con storie di fantascienza scritte da autori italiani), cinque antologie personali di racconti.
Dal 1990 collabora a «La Gazzetta del Mezzogiorno», con articoli e rubriche (fra cui «Accadde… domani», pubblicata dal 1997 al 2007). Collabora inoltre a «Villaggio Globale» fin dalla nascita della rivista, nonché ad altre testate, cartacee e on line. Si occupa di fantascienza anche tramite seminari, conferenze, incontri nelle scuole. Recentemente, nel corso della 34.ma «ItalCon», l’annuale convegno dedicato alla fantascienza e che riunisce scrittori, editori, traduttori e operatori del settore a più livelli, la sua antologia di racconti «L’essenza del futuro» ha vinto il Premio Italia per la Fantascienza, quale «miglior libro di fantascienza italiana edito nel 2007». Catani è stato, inoltre, l’Ospite d’onore della manifestazione.
Quanto a «L’essenza del futuro», si tratta di un volume di circa 700 pagine contenente 62 racconti (lunghi, brevi e brevissimi) scritti in 50 anni di attività, dal 1957 al 2007. (Per il volume, si veda eventualmente su www.elaralibri.it/cat/Nar-2.htm). Catani ha pubblicato anche un romanzo non di fantascienza, «Per dimenticare Alessia» (C-S libri, Torino, 2007) a sfondo parzialmente autobiografico. Un suo nuovo romanzo è in lettura presso un’importante casa editrice.