Il fascino della Sicilia

104

La Sicilia, a sorpresa, diventa meta di ritrovo anche per il lontano turista giapponese.
Ciò che difatti quest’isola riesce ad offrire ai visitatori provenienti da tutte le parti del globo va ben oltre quello che si potrebbe immaginare e cioè sole bruciante, mare cristallino, sabbia finissima e tanto, tantissimo relax.
Le potenzialità di questa regione a statuto speciale devono certamente essere di gran lunga superiori a ciò che gli standard per il settore terziario impongono per rientrare tra i fortunati che rispettano e mantengono nel tempo la «media nazionale» per qualità dei servizi e delle strutture.
Quindi cosa esattamente la Sicilia riesce a dare al visitatore d’oltreoceano tanto da invogliarlo ad uscire dal forzato ed obbligato sentiero del turismo artistico-culturale monopolizzato da mete quali Roma e Firenze, almeno per quanto riguarda l’Italia?
Prima di tutto la Sicilia è un’isola, più precisamente l’isola più grande del Mediterraneo e questo influenza senza ombra di dubbio l’atmosfera che si respira… suggestioni senz’altro esotiche che evocano in ogni componente naturale (acqua, terra, aria) la propria storia così antica ed arricchita da secoli di dominazioni disparate; ne è permeata la materia stessa delle vestigia del suo passato, ed anche la natura con le sue «belve» addormentate ed addomesticate dal torpore imposto dalla liquidità del tempo: vulcani solo apparentemente e temporaneamente sedati, difatti pronti a sorprenderci ed atterrirci con tutta la loro improvvisa e spiazzante violenza repressa.
Pianura, collina e rilievi montuosi vari, naturale continuazione dell’Appennino Calabro, fanno di questa terra l’ideale connubio tra superficie e profondità marine, solcate nei secoli da navi e battelli battenti bandiere straniere, incuriosite da questa terra posta al centro del Mar Mediterraneo e per questo ambita e più volte dominata. Immensa è infatti l’eredità artistica lasciata in questa regione a testimonianza del loro passaggio.
Infine la tradizione gastronomica siciliana addolcisce col suo zucchero e col suo sapore deciso, così evocativo di sapori mediorientali, il palato anche del più ritroso dei turisti.
Visitare la Sicilia significa riconciliarsi con una terra sbalorditiva per la disarmante bellezza dei suoi paesaggi, troppe volte violentata, insanguinata ed uccisa dentro ad ogni assassinio di mafia.