L’impegno del Governo per sviluppare Responsabilità Sociale

123

In prima fila per il cambiamento ci devono essere le Pmi italiane. Il tessuto primo dell’economia nazionale sono infatti le migliaia di aziende spesso a gestione familiare che si legano con rapporti diretti sul territorio dove insistono con il loro insediamento, dove dipendenti e management vivono gomito a gomito.
Per una rete così fitta di rapporti, dove economia e società perdono i contorni definiti, è essenziale che la responsabilità sociale sia pratica quotidiana, sia perché porta ad una crescita competitiva, sia perché migliora. Ad aiutare le scelte e gli orientamenti responsabili degli imprenditori il ministero del Welfare ha avviato un progetto per aprire presso ogni Camera di Commercio entro il 2006 uno sportello dove ricevere informazioni e sostegno. Al momento ne sono già attivi 19, entro il 2005 ne saranno avviati altri 40, per arrivare a 103.

«La responsabilità sociale sarà una vera opportunità per gli imprenditori spiega il ministro Maroni ? quando saranno avviati i Fondi pensione etici, i capitali serviranno per investimenti a favore di imprese che sapranno dimostrare la loro capacità di sostenere il territorio. Stiamo parlando di fondi di almeno 7 milioni di euro l’anno».

Il modello di sviluppo di riferimento è il sistema inglese, anche se in Italia si cerca di creare un esempio «all’italiana» dato il particolare tessuto produttivo. Tre saranno i caposaldi: crescita per i dipendenti; iniziative di solidarietà sociale; uso di materiali sostenibili.