Lagrange e la storia della meccanica

144

di D. Capecchi, A. Drago, edizione Progedit

Pagine: 208 | Costo ?: 18.00

Il libro si concentra sulla storia della meccanica che il grande matematico e fisico italiano, Louis Lagrange, pone prima della sua esposizione tecnica della Mécanique analytique. Nonostante sia stata scritta oltre un secolo fa, essa presenta aspetti interessanti. Infatti Lagrange, in modo molto moderno, fa una storia di prima mano consultando i lavori originali degli scienziati che hanno contribuito maggiormente allo sviluppo della scienza meccanica.
Lagrange non è stato il primo a scrivere di storia della meccanica, materia che egli aveva elaborato con passione e che sin da giovane lo aveva consacrato alla gloria. In Italia c’era una certa propensione a scrivere di sul tema; già Guidobaldo dal Monte e Galileo Galilei avevano scritto note storiche su questa teoria scientifica, allora appena nascente. Ma la storia di Lagrange è una delle più importanti che mai sia stata scritta, sia per i suoi pregi, sia per l’influenza che ha avuto sulla storiografia successiva. Un secolo dopo, Mach gli riprende il disegno fondazionale della storia della meccanica, amplia molto la trattazione e la continua nel tempo oltre la fine del Settecento. Seguiranno le storie di Duhem e Jouguet all’inizio del 1900, poi quella di Degas, che è ancora di riferimento.

(Fonte Progedit Editore)