Serve una scala di priorità

106

( Enea, Centro ricerche, Casaccia ) La prevenzione del rischio sismico richiede un impegno finanziario notevole, certamente non disponibile in tempi brevi. Ciò nonostante il problema va affrontato innanzitutto individuando siti e strutture sulle quali intervenire e, quindi, stabilendo una scala di priorità. Su queste basi, tenendo conto delle disponibilità finanziarie, va programmata la spesa. […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.