Verso una società neotecnica

377

L'avvento di una società neotecnica presuppone una nuova distribuzione delle attività umane nel territorio, il recupero della potenziale ricchezza del regionalismo. Non a caso il movimento di Comunità di Adriano Olivetti, 1901-1960 (a cui va il principale merito di aver «scoperto» Mumford, le cui opere fece conoscere, tradurre e pubblicare in Italia) era proprio basato […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.