I mille problemi del settore caseario

275

Il contrasto tra produttori di latte e trasformatori. Istituiti corsi innovativi relativi alle tipicità economiche e vocazionali del territorio pugliese. La «Treccia della Murgia dei Trulli» potrebbe diventare patrimonio dell’Unesco

Per questa edizione della Sagra della Mozzarella è stato organizzato dall’amministrazione di Gioia del Colle, in provincia di Bari, anche un momento di confronto tra tecnici e operatori del settore lattiero-caseario, che è stato utile per far il punto della situazione in particolare su alcune questioni scottanti.

La prima riguarda il contrasto tra produttori di latte e trasformatori: i primi chiedono, tra l’altro, una certificazione visibile sul prodotto finito, che «racconti» il percorso del latte utilizzato per la trasformazione in mozzarelle, al fine di dare maggiore visibilità ad un prodotto tradizionale così importante per l’economia locale, oltre che per evitare che i trasformatori, per risparmiare sui costi della materia prima, utilizzino, invece del latte locale, un latte in polvere, come alcuni controlli hanno già dimostrato.

La seconda questione emersa è stata la diatriba aperta sul nome con cui si dovrebbe chiedere la Denominazione di origine protetta (Dop).

Il direttore del Gal Gioia del Colle, Noci, Putignano Matteo Antonicelli ha reiterato una sua proposta che prevede di identificare il prodotto tipico come «Treccia della Murgia dei Trulli», che comprenderebbe il prodotto di Gioia del Colle e delle zone limitrofe. Proposta questa accettata da una rappresentanza di produttori presenti al convegno.

Altra interessante notizia è stata quella che ha dato il Preside della facoltà di Agraria dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, il quale ha tenuto ad informare i presenti sull’istituzione di corsi innovativi relativi alle tipicità economiche e vocazionali del territorio pugliese. In tutta la regione Puglia nasceranno dieci istituti superiori pensati per formare le nuove generazioni in diverse discipline, tra cui la meccanica aerospaziale e l’agroindustria, poli d’eccellenza della nostra Regione.

Non è passata in silenzio la notizia che la «dieta mediterranea» diventerà a breve Patrimonio dell’Umanità, portando con sé molte implicazioni positive, ma anche molti controlli, che andranno a certificare tutti gli step della filiera. Per far questo chiosa il direttore del Gal «occorre fare sistema e far nascere un Consorzio di produttori e trasformatori», «che – aggiunge qualcuno tra il pubblico – si faccia carico anche di spalmare i costi per lo smaltimento del siero in modo equo tra produttori e trasformatori, ricordando che, la bravura dei maestri caseari gioiesi non deve far dimenticare il duro lavoro degli allevatori e la bontà della materia prima».