Violenza, femminismo e guerra in scena alla 67ma mostra del cinema di Venezia

284
film festival cine

Ancora infuocate le polemiche attorno al film «Vallanzasca, gli angeli del male» di Michele Placido, accusato di aver reso quasi omaggio al terribile criminale milanese, autore di efferati omicidi e condannato ad oltre 200 anni di carcere

Violenza, femminismo e guerra in scena alla 67ma mostra del cinema di Venezia

Si è conclusa ieri la 67ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia con l’assegnazione della palma d’oro a Sofia Coppola per il suo «Somewhere». Ma al Lido di Venezia, tra polemiche, applausi e lacrime è stata la vita reale la vera protagonista.

Sono state le opere italiane in particolar modo a raccontare gli angoli più reconditi della vita quotidiana. Angoli in cui si annidano malessere, violenza, intransigenza e paura. Alcuni registi italiani hanno portato sul red carpet di una Venezia tirata a lucido problemi e questioni su cui non bisognerebbe mai smettere di interrogarsi.

Ne è un esempio «Trajabone», il film a basso costo del regista sardo Salvatore Mereu. Il lungometraggio, nato da un progetto scolastico e in concorso nella sezione Controcampo italiano, racconta 5 diverse storie accomunate dall’estremo realismo. Un treno in corsa e una classe in gita ci portano alla scoperta della storia di Kadim, adolescente senegalese costretto a lavorare per pagare l’affitto di casa, rinunciando anzitempo alla spensieratezza della sua giovane età. La sua storia si intreccia a quella di due rom che scappano di casa per amore di una ragazzina conosciuta su internet sotto mentite spoglie. E ancora bullismo al femminile e amicizia tra uomini. Senza retorica e pregiudizi, Mereu racconta solo alcune delle mille sfaccettature del mondo degli adolescenti di oggi.

Tra i film più attesi, «La solitudine dei numeri primi» di Saverio Costanzo, film sul dolore di due ragazzini segnati da terribili esperienze di vita e che, proprio come i numeri primi, sono fatti per bastare a se stessi, non possono condividere con nessun altro il proprio mondo interiore.

E poi gli apprezzatissimi «Ward 54» di Monica Maggioni e «20 sigarette» di Aureliano Amadei, film intensi che, da prospettive diverse, raccontano il grande inganno e la totale inutilità delle guerre in Iraq e Afganistan.

Alla fine il festival l’ha vinto Sofia Coppola con «Somewhere», storia di un ritrovato rapporto tra un personaggio famoso costretto a dividere la sua vita e i suoi spazi per un certo periodo con la figlia adolescente. Il cinema italiano non ha portato a casa grossi riconoscimenti, a parte «20 sigarette», vincitore della sezione Controcampo italiano, quanto piuttosto molte critiche e polemiche.