Animals united: tutta la fauna unita per la biodiversità

269
Terlizzi animali

Un’ironica rivolta degli animali dei cinque continenti, guidati da una piccola mangusta, con l’obiettivo di far luce sugli effetti nefasti dell’azione dell’uomo sulla fauna. Domenica anteprima a Milano

Arriva anche in Italia il nuovo film d’animazione della Moviemax, «Animals United 3D». Liberamente ispirato al libro «La Conferenza degli Animali» di Erich Kastner, il film è una divertente analisi ma approfondita degli annosi problemi dello sfruttamento delle risorse e dell’inquinamento.

Gli animali che popolano la Terra assistono impotenti dinanzi al disastro dell’ambiente e la crisi ecologica scatenata dalle attività umane: la siccità incalzante in Africa e nella Savana, l’aria irrespirabile in ogni parte del mondo, lo scioglimento dei ghiacciai. La vita degli animali è in pericolo e l’ecosistema sta andando in frantumi. La mangusta Billy, però, non ci sta e, combattendo ogni resistenza e rassegnazione da parte degli altri animali, organizza una marcia pacifica verso New York. L’obiettivo, partecipare e in qualche modo mutare, attraverso la testimonianza diretta, il programma della Conferenza mondiale per l’Ambiente.

«Animals United 3D» è la dimostrazione di come l’intrattenimento (ancora una volta nelle forme della settima arte) possa farsi portavoce dell’importanza della salvaguardia della biodiversità e dell’ambiente. Con ironia, irriverenza e sentimento, sfruttando anche la spettacolarità delle immagini girate in 3D, il film testimonia i gravi problemi che attanagliano il nostro pianeta invitando tutti all’azione, proprio come ha fatto Billy.

L’impegno di Moviemax, però, va al di là dell’azione divulgativa e rappresentativa del problema. La casa di produzione, infatti, ha deciso di abbinare il lancio di «Animals United 3D» ad un’azione concreta a sostegno del progetto «20 Species for a Living Planet» del Wwf. Parte dei proventi della pellicola sarà dunque devoluta a favore di questa importantissima iniziativa del Wwf che mira alla salvaguardia degli animali a maggior rischio d’estinzione nel mondo, come la tartaruga marina, il leone e il leopardo.