La coscienza segno di complessità o oggetto di un assurda sfida all’incompiutezza umana?

162

In un quadro di ambigua composizione, della dicotomia ipotizzata fra mondo mentale e mondo fisico (costruito sulla sostanziale riduzione dei fenomeni mentali nell'ambito dei fenomeni neurobiologici), gli approcci alla comprensione delle attività mentali, diversi da quelli neurobiologici, vivono le difficoltà del doversi presentare, in difformità dai fenomeni chimico-fisici della neurobiologia, come interpretazioni precarie perché prive […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.