Stanno uccidendo un fiume e le sue tribù

114

Le piantagioni etiopi stanno danneggiando l’Omo, fonte di vita per i Bodi, i Mursi e i Dassanach. Survival International: «Il governo etiope sta distruggendo la bassa Valle dell’Omo e la sopravvivenza di decine di migliaia di indigeni nel nome dello ”sviluppo”»

Il controverso progetto agro-industriale promosso in Etiopia sta uccidendo l’Omo inferiore, fonte diretta di vita per almeno 100.000 indigeni. A provarlo sono anche le immagini (nella foto di Survival si vede come le deviazioni del fiume Omo compiute per l’irrigazione delle piantagioni stanno prosciugando la vitale fonte d’acqua delle tribù, N.d.R.).

Il corso verso valle del fiume Omo è stato deviato all’altezza della famigerata diga Gibe III e indirizzato in un canale di irrigazione di recente apertura: uno dei tanti che andranno ad alimentare un progetto estremamente ambizioso di piantagioni su vasta scala, concepito per investitori privati e statali.

La realizzazione di questi canali artificiali è fondamentale per il progetto etiope, che sta già avendo un impatto negativo enorme sulla regione della bassa valle dell’Omo, dichiarata Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco.

Il governo non aveva rivelato quasi nulla sull’esistenza del programma agro-industriale, ma una mappa ufficiale pervenuta a Survival International comprova l’ambiziosa imponenza del progetto.

«Non ho mai visto il fiume così basso – ha detto un uomo del luogo a un ricercatore di Survival recatosi recentemente nella zona -. Solitamente, durante la stagione secca, com’è ora, si può attraversare il fiume a piedi perché l’acqua arriva alle ginocchia. Oggi potrei passare senza bagnarmi nemmeno i piedi».

La diga Gibe III, in costruzione 200 km a monte, interromperà il flusso naturale del fiume e priverà migliaia di indigeni delle loro terre agricole più preziose, interrompendo il ciclo delle esondazioni annuali.

Le piene del fiume Omo alimentano la ricca biodiversità della regione e garantiscono a tribù come i Bodi, i Mursi e i Dassanach di poter alimentare il loro bestiame e di produrre fagioli e cereali grazie al fertile limo depositato.

Lo scorso anno, la piena c’è stata, ma la maggior parte dei Bodi e dei Mursi non hanno potuto sfruttarla per le coltivazioni a causa del progetto d’irrigazione. Quest’anno non ci saranno esondazioni perché il bacino della diga comincia a riempirsi, né ce ne saranno negli anni a venire. Alla gente è stato detto che riceveranno in risarcimento degli aiuti alimentari.

Le comunità indigene stanno anche subendo violenti abusi dei loro diritti umani, poiché l’attuazione dei progetti governativi prevede il reinsediamento forzato di coloro che ne intralciano lo svolgimento e il trasferimento del loro bestiame.

«Il governo etiope sta distruggendo la bassa Valle dell’Omo e la sopravvivenza di decine di migliaia di indigeni nel nome dello ”sviluppo” – ha commentato oggi Stephen Corry, direttore generale di Survival International. Ma i costi umani di questa operazione non possono essere dimenticati. Deviare un corso d’acqua che è ancora di salvezza per interi popoli, è irresponsabile e sconsiderato».

(Fonte Survival International)