Il consumo di carburante sarà dimezzato tra 20 anni

111

Nonostante il numero delle autovetture sia destinato a raddoppiare entro il 2050, adottando le giuste direttive per promuovere nuove tecnologie e sfruttare al meglio il carburante, si potrebbe risparmiare l’80% del petrolio oggi utilizzato e tagliare del 60% la quantità di petrolio importato

L’Agenzia Internazionale per l’Energia (Aie) ha recentemente pubblicato due relazioni dalle quali emerge la possibilità concreta di dimezzare il consumo di carburante entro il 2050: «Technology Roadmap Fuel Economy of Road Vehicles», sulle attuali tecnologie per la mobilità; e «Policy Pathway: Improving the Fuel Economy of Road Vehicles», sulle politiche necessarie per promuovere le nuove tecnologie.

Nonostante il numero delle autovetture sia destinato a raddoppiare entro il 2050, l’Aie ha affermato che adottando le giuste direttive per promuovere nuove tecnologie e sfruttare al meglio il carburante, si potrebbe risparmiare l’80% del petrolio oggi utilizzato e tagliare del 60% la quantità di petrolio importato. Queste politiche influenzerebbero in modo positivo anche i prezzi dei generi alimentari e di molti altri prodotti, aumentati a causa della recente crescita del prezzo della benzina.

Dal momento in cui il 50% del petrolio viene impiegato nel settore dei trasporti (soprattutto in quelli su asfalto) e le automobili sono responsabili del 12% delle emissioni di CO2, affrontare il problema dei trasporti su strada diventa di fondamentale importanza.

Nel 2009 l’Ue ha fissato i limiti delle emissioni di CO2 per le automobili di nuova produzione e a febbraio 2011 la Commissione ha presentato il Libro Bianco per i Trasporti per aumentare i fondi di investimento (attualmente ammontano a 1,8 trilioni di euro) per la costruzione di nuovi e più competitivi sistemi di trasporto nei prossimi 20 anni.

Nonostante queste iniziative, nuove e maggiori regolamentazioni devono essere adottate nei prossimi 10-20 anni ai fini di promuovere il mercato di automobili innovative ed eliminare le esistenti barriere politiche che impediscono l’utilizzo di tecnologie per il risparmio di carburante.