La struttura geologica dell’Italia raccontata per tappe

    171

    L’idea consiste nel dedicare uno spazio comunicativo alla descrizione dei luoghi percorsi dal Giro d’Italia, dal punto di vista territoriale, naturalistico e geologico. A trasmettere il tutto sarà Rai Sport, nel corso delle trasmissioni quotidiane dedicate alla corsa ciclistica, utilizzando anche elaborazioni grafiche in 3D predisposte dall’Istituto, per mostrare al pubblico la struttura del territorio attraversato dagli atleti

    La conformazione del territorio in 18 tappe del Giro d’Italia, che attraversa il Paese in molti luoghi «simbolici» dal punto di vista della struttura geologica, questo quanto verrà raccontato dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientali (Ispra) con il progetto «Geologiro».
    L’idea consiste nel dedicare uno spazio comunicativo alla descrizione dei luoghi percorsi dal Giro d’Italia, dal punto di vista territoriale, naturalistico e geologico. L’inserto è strutturato per evidenziare i luoghi più significativi attraversati dalla Corsa Rosa ed analizzarne costituzione e origine, con particolare attenzione alle situazioni di alto valore paesaggistico o particolare fragilità territoriale, luoghi che, in passato, hanno rappresentato la scena di numerosi dissesti territoriali che hanno portato con sé morte, distruzione, disperazione.
    A trasmettere il tutto sarà Rai Sport, nel corso delle trasmissioni quotidiane dedicate alla corsa ciclistica, utilizzando anche elaborazioni grafiche in 3D predisposte dall’Istituto, per mostrare al pubblico la struttura del territorio attraversato dagli atleti.
    La parola chiave del progetto è la conoscenza del nostro paesaggio. La conoscenza della natura e della morfologia del terreno, espressione di forze endogene ed esogene che nella storia geologica lo hanno modellato; il nostro paesaggio così carico di storie e significati che partono dalla forma e dalla posizione del nostro bel paese, naturale ed antropizzato, concentrato in uno spazio lungo e stretto che fa emergere l’unicità del suo assetto fisiografico.
    Un equilibrio instabile tra rischio e risorsa che per diventar stabile necessita di piena conoscenza del contesto e delle dinamiche territoriali al fine di attivare prassi mirate allo sviluppo sostenibile.
    Ed è proprio questo l’obiettivo ultimo di Geologiro che quest’anno si ripete e consolida l’esperienza, grazie al web e alla televisione. La conoscenza del nostro paesaggio fatto attraverso un linguaggio semplice ed immagini panoramiche che mostrano il contesto territoriale quale cornice di uno degli avvenimenti sportivi più seguito degli italiani.
    Un’analisi along the road per conoscere il nostro territorio fatto di storia, meraviglie naturali-paesaggistiche-architettoniche da valorizzare.

    LogoABB