Lo sfruttamento del suolo

148

Accanto al nobile intento della restituzione della terra ai contadini, l’articolo 44 dichiara espressamente la necessità di un razionale «sfruttamento del suolo». La parola «sfruttamento», se applicata a una persona, ha una connotazione tipicamente negativa. Lo sfruttamento della classe operaia è stata la molla dei movimenti anticapitalisti. Anche il razionale sfruttamento delle persone non verrebbe accettato da nessuno. Una parola più accettabile è «valorizzazione», ma allora non era concepibile dare dignità alla natura, infatti dimenticata nell’articolo 9. Il suolo va sfruttato, e non si prende in considerazione che questo possa portare all’avvelenamento delle falde, all’uso sconsiderato di fertilizzanti e pesticidi, con conseguenze catastrofiche per l’ambiente e per la salute umana.