Piazzola abusiva sequestrata dal Noe di Udine

    379
    noe Lecce
    Foto di repertorio

    Ma l’azienda sostiene che non c’è alcuna violazione paesaggistica nell’impianto di Villesse

    In seguito ad un controllo dei Carabinieri coordinati dalla Procura della Repubblica di Gorizia su siti aziendali operanti nel settore dei rifiuti solidi urbani è stata sequestrata piazzola di lavaggio mezzi aziendali realizzata in assenza di autorizzazione paesaggistico ambientale

     

    I Carabinieri del Noe di Udine, nell’ambito dell’attività di monitoraggio e controllo nello specifico comparto di settore, hanno eseguito una verifica presso uno stabilimento corrente in Villesse (GO), appurando che la società, operante nella raccolta dei rifiuti solidi urbani, aveva realizzato al suo interno, una piazzola di lavaggio dei mezzi aziendali in cemento, dalle dimensioni di 12 x 6 metri, con caditoia centrale di raccolta reflui e relativa vasca di raccolta. Tale manufatto, dalle verifiche svolte dal personale del Noe, è risultato essere privo delle previste autorizzazioni di legge, in quanto l’area su cui insiste l’unità operativa della società, risulta essere soggetta a vincolo paesaggistico.

    Nel corso del controllo, inoltre, i militari hanno constatato la presentazione di falsa documentazione inoltrata al Comune di Villesse da parte della Società, per un manufatto già realizzato nel 2014 e falsamente riproposta nel 2015.

    Gli accertamenti esperiti consentivano quindi di acclarare le responsabilità in concorso tra loro, dell’Amministratore della società e di altri due membri del Consiglio di Amministrazione, nonché del progettista incaricato (nonché direttore dei lavori) e del titolare della ditta terza incaricata per l’esecuzione dei lavori, per la violazione di cui all’art.44 lett. C del DPR 380/2001 (assenza di autorizzazione paesaggistica).

    Il manufatto realizzato in assenza del previsto titolo autorizzativo veniva sottoposto a sequestro.

    Fin qui la nota del Comando Generale Carabinieri. Ma di tutt’altro tono il comunicato dello stabilimento di Villesse.

    Ma l’azienda sostiene che non c’è alcuna violazione paesaggistica nell’impianto di Villesse

    In un comunicato dell’Ufficio Stampa l’Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l contesta quanto dichiarato nel comunicato stampa del Noe, poiché, si legge:«Come già chiarito alle competenti autorità giudiziarie e amministrative l’attrezzatura della piazzola di lavaggio dello stabilimento di Villesse (GO) è conforme alle vigenti normative paesaggistiche.

    «Altrettanto regolare è stata la gestione dell’impianto in conformità dell’autorizzazione AUA rilasciata dal Comune di Villesse (GO)».

    L’impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. ci tiene a precisare ulteriormente che «ha già attivato il procedimento di attestazione di conformità della piazzola di lavaggio».

    Pertanto «la Società esclude l’esistenza di qualsiasi falsità nella documentazione fornita agli enti territoriali. La vicenda in oggetto non ha inciso né riguardo la sicurezza e igiene dell’ambiente di lavoro né rispetto alle condizioni ambientali del sito».