E usciremo a riveder le peonie?

642
Peonia paeonia mascula foto Fabio Modesti
Esemplare di peonia (Foto Fabio Modesti)

Nei boschi di Acquaviva dopo la segregazione

Fiori effimeri, nei boschi tra Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge e Santeramo in Colle ai primi di maggio. Un’altra sfida al Covid-19 che bisogna vincere. Sempre in sicurezza ma, finalmente, uscendo di casa. Il lungo cammino di Acquaviva che vuol far parte del Parco dell’Alta Murgia

Tra la fine di aprile e l’inizio di maggio nei boschi di Puglia si presenta uno spettacolo mirabile: sbocciano le peonie (Paeonia mascula). E nei radi boschi pugliesi, cedui matricinati o meno, tra i pochi di alto fusto, ammirare il gran fiore scarlatto della peonia ritempra lo spirito sia pure per un tempo effimero, solo per qualche giorno prima della sfioritura naturale. E speriamo lo ritempri ancor di più se riusciremo ad uscire al tempo giusto da questa clausura domiciliare anti Covid-19.

Tra i boschi con peonie merita particolare citazione quello, o meglio, quelli racchiusi in un lembo di territorio che prelude alle Murge sud-orientali. Poco fuori dai confini del Parco nazionale dell’Alta Murgia, nei territori di Cassano delle Murge, di Acquaviva delle Fonti e di Santeramo in Colle resistono i relitti di vestigia boscate di tutto rispetto e dense di storia e di storie, alcune delle quali in realtà leggende.

Però quei relitti hanno importanza botanica e paesaggistica ancora straordinarie. Per raggiungere il nuovo ospedale «Miulli» di Acquaviva delle Fonti si procede sulla provinciale che la collega a Santeramo in Colle. Dalla strada è possibile vedere una continuità boscosa piuttosto fitta. Sono i boschi di Mesola, di Collone e di Curtomartino. Peraltro, lì c’è una parte del vecchio ospedale Miulli, ora presidio ospedaliero. Si tratta di boschi misti ma paesaggisticamente molto interessanti ed ecologicamente importanti.

Come un po’ tutti i nostri boschi di caducifoglie, c’è una notevole varietà di specie quercine: dalla virgiliana ai confini con la Murgia Alta, al fragno verso l’entroterra e poi ancora al cerro. Ed ancora quercia di Palestina che si accompagna con la fillirea nel sottobosco.

Certo, anche qui è difficile trovare esemplari di querce secolari, quelle che hanno visto di sicuro l’avvicendarsi di molti regimi e regni ed infine quello sabaudo succeduto a quello delle due Sicilie. Gli esemplari che hanno visto le risme di briganti del Sergente Romano che facevano il bello ed il cattivo tempo e l’esercito sabaudo che non esitava a dar fuoco a quei boschi per snidarle.

Il bosco di Mesola, in particolare (e con un piano di gestione ed un regolamento vigenti ma di fatto non applicati), è tutelato dalla direttiva comunitaria «Habitat» proprio per la varietà della composizione vegetale e costituisce un prosieguo naturale del territorio dell’Alta Murgia con il suo parco nazionale e con un altro sito di importanza comunitaria. Vi è, cioè, una continuità ecologica e paesaggistica tra il secondo parco nazionale pugliese e questa parte di Terra di Bari del sud-est. Una continuità che l’amministrazione comunale di Acquaviva delle Fonti ha cercato di concretizzare con una proposta di adesione al parco nazionale dell’Alta Murgia ad oggi non riuscita.

Non è facile ricucire il territorio di Acquaviva al parco perché di mezzo c’è l’agro di Cassano delle Murge che pure è comune del parco ma che ha non poche difficoltà a consentire l’«annessione» all’area protetta di altre superfici. Anche perché le storie urbanistiche di questi comuni sono particolarmente complesse e soggette a cambi di direzione repentini.

I piani regolatori sono datati ed i nuovi piani urbanistici generali (Pug) stentano a prender forma. Come si sa, gli strumenti urbanistici purtroppo sono elaborati di fatto soprattutto in base alla proprietà fondiaria e ben poco avendo riguardo alle esigenze di corretto sviluppo e tutela di ecosistemi.

Così, tutto il processo di adesione di Acquaviva al parco si è bloccato ma è in corso di elaborazione il Pug e così per Cassano Murge. Chissà che la lungimiranza di quegli amministratori non riesca a tracciare un sentiero che consenta l’ingresso anche di Acquaviva nel parco nazionale dell’Alta Murgia.

Fabio Modesti