Allarme smog Milano e Lombardia, da domani nuove misure: traffico e riscaldamento, le regole

105
Tempo di lettura: 2 minuti

(Adnkronos) –
'Allarme smog' a Milano e in Lombardia, da domani 20 febbraio 2024 scattano misure temporanee in 9 province della regione – con regole in particolare per auto e riscaldamento – dopo il superamento dei livelli di PM10 per 4 giorni consecutivi. Come rende noto la Regione, le misure scattano a Milano, Monza, Como, Bergamo, Brescia, Mantova, Cremona, Lodi e Pavia. Nonostante i valori, l'assessore regionale all'Ambiente e Clima, Giorgio Maione si dichiara ottimista osservando i dati su base annuale. "Le misure sul miglioramento della qualità dell'aria in Lombardia proseguono – afferma Maione -. Investiremo anche quest'anno prosegue – 30 milioni di euro per il rinnovamento degli impianti di riscaldamento e dei veicoli circolanti. In cinque anni gli investimenti complessivi legati alla sostenibilità ambientale in Lombardia ammontano a 19 miliardi".  "Negli ultimi 20 anni – ricorda l'assessore Maione – le misure adottate dalla Regione, gli investimenti fatti dalle imprese e i comportamenti virtuosi dei cittadini hanno portato a una riduzione del 39% delle concentrazioni di Pm10 e del 45% delle concentrazioni di No2. Questi sono i dati di sistema sui quali calibrare le politiche ambientali. Nel frattempo, in considerazione delle condizioni meteo che determinano il ristagno degli inquinanti al suolo attiviamo le misure temporanee previste dalla norma".   Con le misure in vigore, ecco una serie di regole che andranno rispettate. Tra queste il divieto di combustioni (in tutti i comuni delle province coinvolte) e di accensione di fuochi all'aperto. Per quanto riguarda invece il traffico, nei Comuni con più di 30.000 abitanti delle province coinvolte è prevista la limitazione alla circolazione tutti i giorni nella fascia 7.30-19.30 per tutti i veicoli Euro 0 e 1 di qualsiasi alimentazione e per i veicoli Euro 2, 3 e 4 a gasolio. Rispetto a quelle previste dalle misure permanenti, le limitazioni si applicano anche nelle giornate di sabato e di domenica e coinvolgono anche i veicoli Euro 4 diesel commerciali anche se con Fap e gli Euro 0 e 1 a Gpl e metano. Gli autoveicoli che hanno aderito a MoVe-In sono soggetti alle limitazioni temporanee della circolazione come gli altri veicoli inquinanti, fino alla disattivazione delle stesse. Quanto al riscaldamento, in tutti i Comuni della provincia delle province coinvolte è vietato tenere temperature superiore a 19 gradi nelle abitazioni e negli esercizi commerciali, utilizzare generatori a legna per riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) di classe emissiva fino a 3 stelle compresa (primo livello). Le misure colpiscono anche l'agricoltura: in tutti i Comuni della provincia delle province coinvolte è vietato spandere gli effluenti di allevamento, delle acque reflue, dei digestati, dei fertilizzanti e dei fanghi di depurazione, salvo iniezione e interramento immediato.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)