Corruzione Liguria, Signorini non risponde a gip Genova

88
Tempo di lettura: < 1 minuto

(Adnkronos) – Nessuna dichiarazione. Paolo Emilio Signorini, ex presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure Occidentale e ad (sospeso) di Iren, arrestato martedì scorso per corruzione nell’inchiesta che ha portato a un terremoto nella politica ligure e all'arresto (ai domiciliari) del governatore Giovanni Toti, si è avvalso della facoltà di non rispondere nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip Paola Faggioni. L’interrogatorio si è svolto nel carcere Marassi di Genova. Signorini è diventato amministratore delegato e direttore generale di Iren ad agosto 2023. Ha rivestito la carica di presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale dal 2016 al 2023. Domani toccherà al presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, poi sarà la volta di Matteo Cozzani e dell’imprenditore Aldo Spinelli, stavolta in tribunale. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)