Eolico – Ripa di Meana contro le «minacce» del ministero dell’Ambiente

    310
    eolico rotori rinnovabili

    «Per chiarire all’opinione pubblica il carattere brutalmente affaristico dell’assalto eolico in corso pubblicherà quanto prima un’inchiesta sulla composizione delle società eoliche, con tutte le connessioni promozionali e politiche che ne risultano»

    Si allarga la protesta sull’avanzare indiscriminato dell’eolico e crescono gli interrogativi su quello che si nasconde dietro quest’interesse imprenditoriale così invadente. Né la presa di posizione del Ministero, nelle dichiarazioni del Direttore generale del Ministero dell’Ambiente, Corrado Clini, che ha attaccato sia le Regioni che stanno opponendo un’attiva resistenza a questa nuova dilagante minaccia al territorio, sia il Gestore della Rete elettrica nazionale, colpevole, agli occhi del Ministero, di preoccuparsi troppo del rischio di possibili black-out, hanno portato chiarezza. Anzi. Le regioni meridionali (Sardegna, Puglia e Basilicata) hanno reagito, ma c’è stata anche una fermissima risposta da parte del Presidente