Flabellina

211

Sicuramente tra gli organismi più affascinanti che popolano i fondali marini, la flabellina (Flabellina affinis) è un piccolo mollusco nudibranco che striscia lentamente su colonie di idrozoi di cui va ghiotta

I nudibranchi sono molluschi gasteropodi caratterizzati dalla totale scomparsa della conchiglia e conseguente esposizione delle branchie. Posseggono particolari organi sul capo, i rinofori con funzione sensoriale, tattile e chemiorecettiva.
Le flabelline, tra i nudibranchi più vivacemente colorati, hanno sul dorso numerosi cerati, appendici allungate con funzione respiratoria e digestiva. Inoltre, i cerati assumono anche ruolo difensivo poiché in essi vengono raccolti e conservati gli cnidociti, le cellule urticanti dei polipi degli idrozoi, fonte di nutrimento dei piccoli molluschi.
La colorazione vivace di questi animaletti sta proprio ad indicare la loro pericolosità verso i potenziali predatori.
Sono organismi ermafroditi simultanei e praticano l’accoppiamento incrociato.
Dopo la fecondazione producono caratteristiche ovature con numerose teche ovariche tenute insieme da muco. Le ovature della flabellina in particolare si presentano come intricati grovigli color lilla.