«Apri gli occhi sul Delta del Po»

141

È una «mappa» per orientarsi e scoprire il Parco del Delta del Po Emilia-Romagna

Presentato oggi nella sede della Regione Emilia?Romagna «Apri gli occhi sul Delta», un nuovo strumento informativo per orientarsi e scoprire ogni angolo nascosto del Parco del Delta del Po.
«Si tratta di una guida ? ha commentato Massimo Medri, Presidente del Parco del Delta ? ideata per coloro che già sono presenti sul territorio per metterli a loro agio nella visita e consegnare loro una visione più ampia di tutte le attività del parco».
La guida, realizzata in sinergica collaborazione con le Province di Ferrara e Ravenna, è un agile prodotto editoriale di rapida consultazione che racchiude una mappa del territorio (scala 1:75.000) che fa emergere le particolarità ambientali del territorio. Lo strumento segnala al visitatore le opportunità di visita con percorsi ciclabili, pedonali, nautici, equestri indicando con estrema precisione i servizi offerti. Offre quindi una vera e propria visione d’insieme che fa emergere le particolarità ambientali come i confini del Parco e le Aree protette.
Allegato alla carta c’è un ulteriore opuscolo informativo grazie al quale si possono conoscere al dettaglio, con informazioni, numeri di telefono, orari, i vari modi di visitare il Parco, ad esempio in motonave o in bici. Inoltre , in questo vademecum per il turista. Sono segnalate le numerose attrazioni storico turistiche del Parco come Pomposa, Comacchio, Cervia, musei e monumenti. «Apri gli occhi sul Delta» è dunque una bussola per l’intero Parco che diventa in questo modo uno strumento distinto nelle sue mille particolarità ma unitario, una sorta di «marca distintiva» del territorio. Oltre alla guida sono in fase di studio e progettazione altre tipologie informative del comprensorio del Delta per una completa fruizione naturalistica e artistica della zona. In particolare verranno realizzati altri opuscoli dedicati ai visitatori per aiutarli ad orientarsi specificatamente ad esempio nelle Valli di Comacchio, nel Gran Boscone della Masola, nell’area di S. Alberto/Piallasse/Valli, alle Foci del Bevano e nel Parco Archeologico di Classe.

(Fonte Parco del Delta del Po)