Aree colpite e vulnerabili alla salinizzazione

117

La salinizzazione è un problema di carattere mondiale. Le valutazioni della Fao e dell’Unesco, per il 1999, testimoniano che è un problema che colpisce milioni di ettari di terra nel mondo. Diverse stime condotte dimostrano che una significativa percentuale di salinizzazione è indotta dall’uomo.
Nel 1998, la seconda valutazione ambientale dell’Agenzia europea dell’Ambiente ha segnalato che circa 4 milioni di ettari di suoli europei erano colpiti dal fenomeno della salinizzazione, principalmente nei paesi mediterranei. Quattro anni dopo, nella terza valutazione, il totale di questi suoli ha raggiunto i 16 milioni di ettari. Questa nuova valutazione, tuttavia, include paesi, come la Russia, che non erano stati considerati nel report precedente, di modo che i dati non sono direttamente confrontabili. La stessa fonte indica che nell’area mediterranea il 25% dei terreni irrigati è soggetto a salinizzazione.

Nella Figura 2 la carta mostra le variazioni nella disponibilità idrica in un periodo di 30 anni in Europa. Fonte: European Environment Agency ? Copyright EEA, Copenhagen, 2005

Un altro rapporto Le risorse idriche in Europa: una valutazione basata su indicatori, pubblicato nel 2003, indica che l’intrusione di acqua marina si verifica in diversi paesi europei, specialmente Spagna, Italia, Grecia e Turchia.
Le carte mostrano chiaramente una forte connessione tra disponibilità di acqua, indice di sfruttamento idrico e le aree colpite dal fenomeno della salinizzazione. È chiaro che molte delle aree in cui si è rilevato un intenso processo di litoralizzazione sono le stesse zone in cui, oggi, si assiste alla salinizzazione.

Nella Figura 3 la Carta delle aree affette dal problema dell’intrusione di acque salmastre dovuta a eccessivo sfruttamento delle risorse idriche sotterranee – Fonte: Copyright EEA, Copenhagen, 2003

Per litoralizzazione si intende quel processo, o insieme di dinamiche socio-economiche, che hanno portato molteplici attività antropiche a concentrarsi nelle aree costiere.