I danni al patrimonio boschivo

28

Se dal punto di vista quantitativo le foreste italiane sembrano star bene da quello qualitativo arrivano chiari segnali d'allarme. La vitalità degli alberi delle principali specie forestali si è progressivamente ridotta negli anni, raggiungendo nel 2004 uno dei valori più bassi degli ultimi vent'anni. In particolare destano preoccupazione le condizioni del faggio e delle querce […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.