La Regata dei Cetacei

135

Le imbarcazioni impegnate nella competizione si contenderanno la vittoria su due percorsi: una regata d’altura denominata «La rotta delle Balene» ed una regata costiera «La rotta dei Delfini». Entrambe le gare (alle quali sono ammesse imbarcazioni Open, mono e multiscafi, e le imbarcazioni della classe Mini 6,50) prenderanno il via sabato 2 aprile alle 10.

Il percorso de «La rotta delle Balene» seguirà la costa, da Viareggio fino al Golfo di La Spezia. A quel punto le imbarcazioni si dirigeranno alla volta del faro della Giraglia in Corsica, il cuore del Santuario dei Cetacei. Le barche ritorneranno a Viareggio (nel primo pomeriggio del 3 aprile) dove si troverà il traguardo finale. In tutto circa 150 miglia.

Il percorso più breve, «La rotta dei Delfini», si svolgerà nelle acque comprese tra Viareggio e La Spezia (fino all’isola del Tino e ritorno), sarà lungo circa 50 miglia (le barche rientreranno in porto nella serata di sabato). La premiazione si svolgerà il 9 aprile alle 11 presso gli stand della Festa della Vela in programma sul lungomolo tra la passeggiata ed il porto di Viareggio.

Come detto ospiti gradite della manifestazione saranno le imbarcazioni mini 6,50 che come lo scorso anno hanno scelto Viareggio per far partire il proprio campionato di classe. Le mini in gara saranno almeno 10: a bordo alcuni grandi campioni della vela che manterranno vivo lo spirito competitivo della regata aperta a tutti gli appassionati ma caratterizzata da aspetti tecnici in grado di renderla interessante anche per velisti esperti. Per questo tra gli equipaggi in gara ci sarà anche un team dello Sport Velico della Marina Militare. Tra gli atleti in gara da segnalare il ritorno di Fabrizio Tellarini, testimonial di Greenpeace per la battaglia in difesa delle balene, e velista in solitaria dalla grande esperienza. Tra gli iscritti anche velisti meno noti ma dal curriculum velico particolarmente impressionante come quello di Monica Mei Cattelani, giovane velista veronese che ha già all’attivo 4 traversate atlantiche e la traversata di parte del Pacifico e dell’Oceano Indiano, nonché numerose esperienze anche in solitaria nel Mediterraneo.