Le raccomandazioni adottate dalla Task force

81

– La temperatura globale media deve stare mantenersi sotto l’aumento medio di 2 gradi centigradi rispetto alla temperatura media terrestre dell’epoca pre-industriale, e per far questo bisogna avviare profondi tagli delle emissioni nel prossimo futuro;
– I Paesi devono adottare uno schema globale basato sul Protocollo di Kyoto, che preveda profondi tagli obbligatori delle emissioni per i paesi industrializzati, e impegni a convertirsi all’energia pulita e all’efficienza energetica da parte dei paesi in via di sviluppo;
– Gli Stati Uniti e l’Australia dovrebbero adottare tetti obbligatori alle emissioni e leggi per lo scambio delle emissioni, quale primo passo per dimostrare la propria credibilità sui mutamenti climatici;
– Tutti i paesi dovrebbero adottare una serie di politiche domestiche forti per aumentare l’efficienza delle loro economie e condividere le energie rinnovabili;
– I paesi sviluppati dovrebbero assicurare una maggiore assistenza finanziaria e tecnica ai paesi in via di sviluppo sia per favorirne l’uso delle energie rinnovabili che per sostenerli e prepararli agli impatti dei mutamenti climatici già in atto.