Manuale della certificazione energetica degli edifici. Norme, procedure e strategie d’intervento

150

di Giuliano Dall’Ò, Mario Gamberale, Gianni Silvestrini, edizione Ambiente

Pagine: 400 | Costo ?: 48.00

«Comunicare in modo chiaro e semplice la qualità energetica di un edificio attraverso un attestato o una targa da far vedere è allo stesso tempo un’azione efficace ma complessa», così ha commentato Giuliano Dall’Ò, autore insieme a Mario Gamberale e Gianni Silvestrini, di «Manuale della certificazione energetica degli edifici. Norme, procedure e strategie d’intervento» (Edizioni Ambiente).

Scritto da alcuni degli esperti italiani più qualificati del settore, il volume è uno strumento essenziale per affrontare uno dei temi più «caldi» del momento. L’adozione della direttiva europea 2002/91/Ce ha portato in primo piano il tema dell’efficienza energetica degli edifici, mettendo in luce il pesante ritardo del nostro paese nell’adeguare la qualità dell’edilizia esistente e di nuova costruzione a parametri altrove già operanti. Nello stesso tempo si sono evidenziate anche le enormi opportunità connesse alla sfida della più grande trasformazione che il nostro settore edilizio abbia mai affrontato.

Riprendendo le parole di Dall’Ò, quindi, la certificazione energetica è «efficace perché questa sintetica informazione può davvero modificare il rapporto tra efficienza energetica e mercato immobiliare valorizzando una qualità fino a oggi trascurata e aprendo prospettive nuove, non più di nicchia, a un mercato delle nuove tecnologie; complessa perché dietro a quel numero o a quella classe ?dichiarati?, e che ?fanno la differenza?, non c’è semplicemente la compilazione di un certificato ma molto di più: un percorso nuovo, un nuovo approccio che coinvolge tutta la filiera dalla progettazione alla realizzazione».

In questi ultimi anni in Italia, e ovviamente nel resto dell’Europa, c’è stato grande interesse nel promuovere la certificazione energetica, spinto dalla consapevolezza di quanto sia importante migliorare la qualità energetica degli edifici nuovi, così come di quelli esistenti, in un settore che da solo incide per il 40% sui consumi totali di energia.

È in questa situazione, effervescente e al contempo non priva di elementi di criticità, che il Manuale della certificazione energetica degli edifici, che delinea un percorso che valorizza la procedura di certificazione e tutto il suo potenziale. Non una semplice mappa di ciò che sta succedendo ma uno strumento pensato per i soggetti che di questi processi sono i protagonisti, che con i loro diversi ruoli, competenze e responsabilità, concorrono a un obiettivo comune: fornire all’utente un’informazione chiara, sicura e affidabile sulla qualità energetica dell’edificio.

Il manuale è strutturato in sezioni che affrontano i vari aspetti della «certificazione energetica»: quelli tecnici, come le metodologie di calcolo e i diversi criteri di classificazione, ma anche quelli applicativi che non possono prescindere da un percorso di qualità che vede nel certificatore un soggetto non passivo ma attivo e indipendente. Per la prima volta si individua uno schema in sintonia con i parametri di qualità adottati negli altri settori.

Lo scopo del libro è prima di tutto chiarire che il certificatore non ha solo un ruolo tecnico, ma deve contribuire ad accelerare il processo di rinnovamento del settore edilizio, rimasto per troppo tempo insensibile alle esigenze di maggiore efficienza energetica. È per questo che una parte importante del volume fornisce «istruzioni per l’uso» su cosa si può fare per migliorare l’efficienza energetica degli edifici, ma anche degli impianti, in una logica integrale e senza trascurare gli aspetti economici e le opportunità offerte dagli incentivi pubblici.

I temi trattati vogliono stimolare anche chi progetta, chi ha il difficile compito di dirigere le fasi realizzative e chi si occupa della gestione: perché la certificazione energetica avrà successo solo se verrà compresa, apprezzata, valorizzata e non semplicemente subita.

Gli Autori

Giuliano Dall’Ò, coordinatore del Gruppo di lavoro sull’efficienza energetica di Kyoto Club, è architetto e professore di Fisica Tecnica Ambientale presso il Politecnico di Milano. Direttore di Sacert, il primo sistema di accreditamento nazionale volontario di certificatori energetici, è direttore scientifico della rivista Progetto Energia.

Mario Gamberale, ingegnere, ricercatore dell’Università «La Sapienza» di Roma è un esperto di efficienza energetica e fonti rinnovabili. Docente e coordinatore della sezione Fonti Rinnovabili del Master Ridef. È membro del Comitato Direttivo della Piattaforma europea sul fotovoltaico. Amministratore delegato di AzzeroCO2 e direttore operativo del Kyoto Club.

Gianni Silvestrini, ricercatore del Cnr, è direttore scientifico di Kyoto Club, della rivista QualEnergia e dell’omonimo portale. Ingegnere, coordina il Master Ridef del Politecnico di Milano e dello Iuav di Venezia. È stato consigliere sui temi dell’energia e dell’ambiente del Ministro dello Sviluppo Economico e direttore generale del Ministero dell’Ambiente. È presidente della sezione italiana Ecolabel del Comitato Ecolabel-Ecoaudit.

(Fonte www.edizioniambiente.it)