Unità di Ricerca Everest-K2-Cnr

113

Il laboratorio internazionale Piramide racconta l’attività scientifica svolta sull’Everest e sul K2. Nasce per rispondere alla necessità di effettuare alcune campagne di rimisurazione dell’Everest e del K2, in collaborazione con il Cnr. Ad oggi 220 ricercatori, di nazionalità diversa, appartenenti a 143 diverse istituzioni scientifiche hanno preso parte a 520 missioni scientifiche. «Il laboratorio ? ha dichiarato Giorgio Poretti del Comitato Everest ?K2-Cnr ? è nato sì per esigenze di misurazione, ma conduce anche in zona himalayana ricerche più approfondite sullo studio dei ghiacciai, sullo studio dell’atmosfera e sullo studio della fisiologia (il comportamento del fisico ad altezze particolarmente elevate). Per quanto riguarda la misurazione dell’Everest, quella del 92 rimane la più attendibile perché effettuata con strumenti tradizionali terrestri (teodoliti e distanziometri) e con strumenti satellitari (gps). Successivamente abbiamo costruito con l’Istituto per la Montagna uno strumento con cui si misura la profondità della neve e si prendono le coordinate da satellite, fornendoci una doppia misurazione (neve e roccia). Inoltre ? ha concluso ? il laboratorio effettua diverse tipi di ricerca come osservatorio, dal monitoraggio dell’atmosfera del continente indiano e del continente asiatico, al monitoraggio del movimento della placca indiana verso la placca asiatica: abbiamo misurato la velocità con la quale l’India si muove verso nord-est-, 4 cm l’anno».
(M. C.)