Vita d’alpeggio. Cultura, tradizioni e prodotti dalla Valle Tanaro alle Valli del Canavese

177
appennini montagne

di Marzia Verona, edizione Blu Edizioni

Pagine: 304 | Costo ?: 16.00

Il territorio montano delle vallate alpine piemontesi gode di un buon afflusso turistico, ma non sempre esiste un’informazione adeguata su ciò che il territorio può offrire al visitatore.
Questo libro, realizzato in collaborazione con la Regione Piemonte nell’ambito del Progetto Interreg III A Alcotra ProAlp Italia-Francia «Alpeggi e formaggi», vuole essere uno stimolo per il turista e l’escursionista a salire agli alpeggi venendo a stretto contatto con questa realtà e le persone che vi operano, apprendendone appieno i ritmi, le difficoltà, le necessità, le ragioni. Un invito ad avvicinarsi con maggiore consapevolezza per riuscire a comprendere il valore delle produzioni al di là del semplice aspetto alimentare e gustativo.
Testi illustrativi, immagini e testimonianze, conducono il lettore alla scoperta del mondo degli alpeggi delle Province di Cuneo e di Torino con una panoramica a 360° dei suoi protagonisti, del lavoro, degli animali, dei momenti di vita quotidiana, delle tradizioni e dei prodotti caseari, con uno sguardo al passato e il pensiero proiettato al futuro. Completano l’opera curiosità riguardanti le aree interessate, leggende relative al mondo pastorale, feste tradizionali, fiere zootecniche e casearie. Il volume è arricchito con oltre 200 foto a colori.

L’Autrice

Marzia Verona, nata a Torino nel 1977, vive a Cumiana (TO). Si è laureata in Scienze Forestali e Ambientali presso l’Università di Agraria di Torino. Appassionata di montagna e di sport, oltre che di storia, cultura, tradizioni locali e fotografia, ha progressivamente coniugato i suoi interessi con la propria attività. Ha collaborato alla realizzazione di «La montagna di Cumiana. Il Parco dei Tre Denti e del Freidour», «A spasso per il Pinerolese Pedemontano», «Il Pinerolese Pedemontano. Arte, Storia, Cultura, Natura». Nel 2002 ha pubblicato «Pom Pien. Viaggio nella storia della frutticoltura pinerolese con i frutasé di Cumiana».
Le sue ricerche si rivolgono al mondo agricolo tradizionale, per documentare le tecniche e la realtà in cui sono nati e si sono conservati alcuni prodotti tipici piemontesi.