Migrante a vita

130

Mi sento sicuro solo adesso, davanti alla vecchia porta di assi scrostate. Non vengo più tanto spesso qui, perché è diventato difficile reperire roba da portare. Questa pioggia diluviale ha reso il terreno fango, quasi sabbie mobili, sono inzuppato fino alle ginocchia. Busso con le nocche, due lunghe e due brevi come al solito. Il […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.