L’incantatore di serpenti

144

Appena sveglio, Giuliano ebbe il sospetto di una giornata che partiva col piede sbagliato. L'ottobre inoltrato filtrava dalla finestra con la luce di un pomeriggio. Per di più, lui abitava in un edificio basso, nel vecchio, cioè degradato, centro storico. Una scelta forzata la sua, e le case ammassate tra loro non favorivano certo la […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.