Una buona giornata per i joule

237

Ergo si svegliò sbattendo quasi convulsamente le palpebre. Ormai per lui era un'abitudine acquisita, simile a un tic nervoso che in altri tempi sarebbe apparso strano. Era ancora primo mattino, ma pensò che fosse opportuno uscire subito. Si stirò tendendo la sua non disprezzabile muscolatura corporea. Ne andava fiero. Ogni giorno, prima di alzarsi, «passava […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.