Natura, uomo e diversità

152

Nelle civiltà occidentali ed occidentalizzate, non è diffusa una cultura di condivisione e gestione delle conoscenze che permetta, in modi non distruttivamente conflittuali, di interpretare e affrontare la nostra condizione umana nella diversità dei contributi e nella dimensione complessa dei fenomeni coinvolti (sociali, politici, economici, scientifici, tecnologici...). Non è così in natura dove, invece, la […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.