L’uomo esploso

966
fantascienza

Davanti mi si piantò un tizio dalla faccia scabra e francamente antipatica. «Lei è il signor Ludovico Poli» affermò. Camminavo in città. Pensavo ai cavoli miei. Un giorno grigio d'un […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.