Doglands

156
La foto, tratta da un video, illustra il fenomeno della mimica rapida. Un istante dopo che il primo cane apre la bocca (open mouth) il secondo cane inizia a fare lo stesso. Nel giro di un secondo la risposta è completa.

Tim Willocks, Edizioni Sonda

Un potente atto d’accusa contro lo sfruttamento di ogni essere vivente. Un inno alla libertà e alla vita secondo natura. Presto nelle librerie.

Di tutti i posti in cui un cucciolo potrebbe nascere, nessuno è peggiore di Dedbone’s Hole, il campo di prigionia per i greyhound destinati alle corse. Se non hai tutti i requisiti di razza, non si limitano a farti fuori: ti gettano nell’abisso di una caverna.

Furgul e le sue tre sorelline non hanno questi requisiti, a differenza della madre, che è una campionessa, e del padre, che è un fuorilegge. Ma Furgul ha troppi misteri da risolvere per arrendersi senza lottare: chi era suo padre? Cosa significa correre con il vento? Cosa, e dove, sono le Doglands?

Sfidando la morte e affrontando qualsiasi ostacolo e nemico, Furgul corre lungo le Doglines in un’epica avventura verso l’ignoto.

«Per la prima volta nella vita, Furgul corse sul serio. Ebbe l’impressione di poter correre per sempre. E da qualche parte, in quella folata di vento, come se un fantasma avesse bisbigliato alle orecchie della sua anima, sentì il richiamo delle Doglands. Tu sei il cane che corre nell’oscurità, disse il vento».

Tim Willocks è nato nell’Inghilterra del Nord e si è laureato in Medicina nel 1983. Ha scritto quattro romanzi per adulti e ha vissuto con quattro, indimenticabili cani: un pastore tedesco di nome Gul, un levriero bianco e nero di nome Auda, un levriero nero di nome Lily e un lurcher bianco di nome Feargal. Ora Tim vive in Irlanda, su un monte.