La Voce (I parte)

193

Marino si rendeva conto che non poteva continuare a vivere la sua vita in questo modo. Seppure giovanissimo, si era convinto di non essere un adolescente come gli altri. Era maleducato? Ignorante, pericoloso, fannullone? Macché. Uno studente svogliato? Tutt'altro, al liceo vantava ottimi risultati. Nonostante i suoi altalenanti momenti di un umore tendente al grigio, […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.