La responsabilità sociale d’impresa nell’agroalimentare

    148

    Confronto imprese-enti territoriali. Una discussione proficua sulle linee d’azione che sono state individuate durante il laboratorio dei mesi scorsi

    Un Piano d’Azione dinamico quello che è stato presentato ieri ad Aliano nel corso del forum sulla responsabilità sociale d’impresa nell’agroalimentare. Le imprese che hanno preso parte al primo laboratorio sulla responsabilità sociale d’impresa, organizzato dall’Inea e finanziato dal Programma Operativo Val d’Agri Melandro Sauro Camastra, hanno illustrato ai partecipanti le azioni previste nei vari progetti tematici. Accompagnati dalla coordinatrice dell’Inea, Assunta D’Oronzio gli imprenditori hanno raccontato la loro esperienza nell’ambito del laboratorio e illustrato come, a breve, si avvieranno alcune delle attività previste dal piano.
    Dalla promozione della cultura d’impresa al marketing sociale-territoriale, dalla partnership tra le imprese e il territorio alla qualità del lavoro e alla sostenibilità green, tanti gli obiettivi che sono stati prefissati e condivisi dalle istituzioni e dal mondo operativo (Cciaa di Potenza, Alsia, Parco Letterario Carlo Levi, Coldiretti , Cia, Gal Akiris e Le Macine, Basilicata Innovazione e Feem) che hanno partecipato al forum ed aderito al tavolo di partenariato.
    «Il laboratorio realizzato in Val d’Agri – ha illustrato Lucia Briamonte dell’Inea – ha visto l’attuazione pratica delle linee teoriche sulla responsabilità sociale. L’attivo coinvolgimento delle imprese ha impedito che il progetto fosse calato dall’alto, e siamo convinti che il piano di azione rappresenta un punto di partenza per un futuro sviluppo e l’implementazione dello stesso con altre attività imprenditoriali che possano garantire lo sviluppo sostenibile dell’area».
    Un progetto che risponde in pieno alle linee tracciate a livello nazionale in base alle indicazioni comunitarie, come ha spiegato Danilo Festa, Direttore generale del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: «Il Piano di Azione nazionale sulla responsabilità sociale d’impresa dimostra la voglia di investire in progetti per aumentare la cultura della responsabilità presso le imprese, i cittadini e le comunità territoriali. La responsabilità sociale è uno dei punti principali su cui puntare per lo sviluppo di alcune Regioni, come la Basilicata».
    Un laboratorio che ha favorevolmente colpito Walter Sancassiani di Focus-Lab: «l’esperienza fatta in Val d’Agri ha dimostrato che piccoli accorgimenti migliorativi possono condurre l’impresa verso le richieste europee. I quattro mesi trascorsi hanno permesso una co-progettazione tra imprenditori diversi su temi trasversali di responsabilità sociale e sostenibilità».
    Le attività del laboratorio e i prodotti finora realizzati sono consultabili sul sito.