Imparare il mare da piccoli

    411

    Le navi a vela della sezione Velica Marina Militare, destinate alle campagne addestrative degli allievi ufficiali dell’Accademia Navale, imbarcheranno gli studenti con l’obiettivo di sensibilizzarli nei confronti delle problematiche ambientali per la salvaguardia del proprio territorio

    A vele spiegate per imparare sin da piccoli la protezione delle coste e il rispetto del mare. Questo è l’obiettivo della Marina Militare e l’associazione Marevivo che mercoledì 6 maggio si vedranno nuovamente impegnate, per il terzo anno consecutivo, nell’ambito del progetto di educazione ambientale «Delfini Guardiani», promosso dall’associazione ambientalista per gli alunni delle scuole primarie delle isole e dei comuni costieri.
    Le navi a vela della sezione Velica Marina Militare, destinate alle campagne addestrative degli allievi ufficiali dell’Accademia Navale, imbarcheranno gli studenti con l’obiettivo di sensibilizzarli nei confronti delle problematiche ambientali per la salvaguardia del proprio territorio.
    La Marina Militare e Marevivo svilupperanno, durante le uscite in mare, programmi didattici attraverso i quali i giovani «delfini guardiani» apprenderanno non solo l’aspetto marinaresco come l’utilizzo degli strumenti e delle tecniche di navigazione, il riconoscimento della costa e il saper distinguere la provenienza dei venti, ma anche l’aspetto solidale attraverso le regole di comportamento che permettono la corretta convivenza in un ambiente ristretto com’è appunto un’imbarcazione a vela.
    I ragazzi instaureranno così un contatto forte ed emotivo con il mare e si confronteranno con temi importanti quali la fiducia in se stessi e il rispetto reciproco.
    In definitiva una Marina Militare che, da sempre attenta alla conoscenza e al rispetto dell’ambiente marino nella formazione dei giovani all’interno dei propri istituti, vuole contribuire e diffondere l’amore per il mare e l’ambiente e lo fa in tandem con un’associazione ambientalista, Marevivo, che da oltre 30 anni fa dell’educazione ambientale la propria stella polare.
    E allora tutti in barca per difendere il diritto ad un mare pulito, sicuro e tutelato.