Impollinazione, l’Ue chiama gli Stati

1831

La Commissione europea propone azioni per porre fine al loro declino. Quasi 15 miliardi di euro della produzione agricola annua dell’Ue dipendono dagli insetti impollinatori

Il 10% degli insetti impollinatori è sul punto di estinguersi mentre api e farfalle stanno fortemente diminuendo. Ecco perché la Commissione europea propone un’iniziativa per affrontare il declino degli insetti impollinatori selvatici.

Le misure proposte dalla Commissione europea comprendono un nuovo indicatore per migliorare il monitoraggio e i dati ed un migliore coordinamento delle politiche in ambito Ue, per affrontare le implicazioni sociali ed economiche del declino degli insetti impollinatori.

L’impollinazione è uno dei processi chiave in natura che consente la riproduzione delle piante. Nell’Ue quattro colture su cinque dipendono dall’impollinazione degli insetti. Gli impollinatori sono principalmente insetti, in particolare api e sirfidi, ma anche farfalle, falene, alcuni coleotteri e altri insetti volatili. Quasi 15 miliardi di euro della produzione agricola annua dell’Ue dipendono dagli insetti impollinatori.

Oltre alla produttività, gli impollinatori supportano la varietà delle fonti alimentari. Per questo la Commissione ritiene necessaria un’azione per salvaguardare la biodiversità, l’agricoltura e la sicurezza alimentare.

La Commissione propone:

– Misure per migliorare la conoscenza del declino degli impollinatori comprese le relative cause e le conseguenze. Un processo di monitoraggio dell’Ue per gli impollinatori fornirà dati di qualità sullo stato e sulle tendenze delle specie di impollinatori. La Commissione propone anche un elenco di habitat importanti per gli insetti impollinatori e la valutazione delle loro condizioni sulla base della segnalazione degli Stati membri ai sensi della direttiva Habitat. Inoltre, la Commissione propone di avviare un progetto di monitoraggio della presenza di pesticidi nell’ambiente. Horizon2020 continuerà a promuovere la ricerca e l’innovazione in questo settore.

– Misure per affrontare le cause del declino, come i piani di azione inerenti gli habitat degli insetti impollinatori e per identificare approcci di loro conservazione.

– Aumentare la consapevolezza, coinvolgere i cittadini e promuovere la collaborazione. La Commissione incentiverà le imprese, in particolare nel settore agroalimentare, a contribuire alla salvaguardia degli insetti impollinatori. Materiale didattico sugli impollinatori sarà fornito alle scuole.

Questa nuova iniziativa sugli impollinatori è la risposta della Commissione alle richieste del Parlamento europeo e degli Stati membri che devono intervenire per proteggere gli impollinatori e i loro habitat e per mitigarne il declino.

 

(Fonte Arpat)