Auto, la sicurezza è sulle gomme

1248
pneumatici Image by MikesPhotos from Pixabay

La gomma fornisce al veicolo presa e trasmette trazione sulla superficie di marcia, ammortizzando le irregolarità del manto stradale

(Articolo sponsorizzato) La gomma è una delle parti più importanti dell’automobile. È composto da un involucro circolare gonfio d’aria in gomma-metallo posto intorno a un cerchione. La gomma fornisce al veicolo presa e trasmette trazione sulla superficie di marcia, ammortizzando le irregolarità del manto stradale. La gomma trasmette anche il carico del veicolo dall’asse a terra.

La gomma di un’auto è composta di alcuni elementi importanti: il battistrada, l’involucro, cordoli di nylon e acciaio, pareti laterali, vari strati, tallone e fasce, linea interna. La gomma può contenere una camera d’aria: un pallone a forma di toro fatto di gomma sintetica elastica che serve a impedire perdite d’aria. In base alla presenza o meno di camera d’aria, esistono due tipi di pneumatici: con o senza camera d’aria. In base alla disposizione degli strati interni del pneumatico, esistono gomme radiali o diagonali. Molte delle automobili odierne hanno come radiali, che resistono meno alla rotazione.

Un altro parametro importante del pneumatico è la direzione di rotazione. Sulle gomme con battistrada direzionale, i produttori applicano dei contrassegni con una freccia che punta nella direzione di marcia in avanti. Queste gomme vanno montate solo seguendo questa freccia, altrimenti si rischia che diventino più difficili da gestire, peggiorando la presa sul manto stradale.

Ci sono pneumatici per automobili e pneumatici per cambio, oltre a pneumatici per biciclette o per aeroplani. I pneumatici per camion spesso contengono camera d’aria e sono caratterizzati da una maggiore resistenza, battistrada dal disegno diverso e maggiore indice di carico.

Ciascun pneumatico ha una sua nomenclatura, chiamata anche codice gomma. Il codice si trova sulla parete del pneumatico. Nel codice sono contenuti il diametro del cerchione (in pollici), la proporzione tra la larghezza e l’altezza della sezione, che denota l’altezza in percentuale rispetto alla larghezza, la sua tipologia (radiale o diagonale). Spesso questi codici contengono anche l’indice di velocità massima e l’indice di carico massimo. Oltre a questi dati, la parete del pneumatico contiene anche il nome del produttore, il contrassegno relativo alle stagioni, che indica quali sono le condizioni meteorologiche adatte a questo tipo di gomma (tutte le stagioni o invernali, per esempio).

Le gomme per veicoli commerciali hanno due tipi principali di contrassegni sulle pareti, oltre ai contrassegni propri del produttore. E pneumatici per camion possono essere adatti all’asse anteriore sterzante, all’asse di trazione o all’asse di carico (rimorchio), contrassegnate rispettivamente con F, D, T o Z, dove Z significa multi-posizione. Queste gomme possono anche essere contrassegnate con l’indice di carico massimo per ciascuna ruota singola o per la coppia di ruote. Maggiori informazioni qui auto-doc.it.

 

(Articolo sponsorizzato)