Stampacchia, il matematico che ha dato lustro all’Italia

794
Guido Stampacchia
Guido Stampacchia

Le sue carte scientifiche donate alla Federico II di Napoli. Figura fondamentale della seconda metà del secolo scorso, ha iniziato e concluso la sua carriera accademica all’Università di Pisa e alla Scuola Normale

La storia della matematica italiana dopo la seconda guerra mondiale, con l’abbandono della tradizione autarchica e l’apertura alla collaborazione con le principali scuole internazionali, deve molto a Guido Stampacchia, il professore napoletano che nel corso della carriera ha insegnato nelle Università di Genova, Pisa, Roma e alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Per sottolineare il rapporto affettivo sempre mantenuto con la città di origine e allo stesso tempo il rilievo scientifico e culturale di Napoli, i figli e la famiglia hanno donato la raccolta di carte scientifiche di Guido Stampacchia all’Università «Federico II», depositandole al Dipartimento di Matematica intitolato a Renato Caccioppoli, maestro e amico del professore.

Le carte, in gran parte inedite, restituiscono quasi per intero il percorso biografico di Guido Stampacchia, che ha frequentato il Liceo Vico di Napoli prima di trasferirsi a Pisa nell’autunno del 1940 per iniziare gli studi universitari nell’Ateneo e alla Scuola Normale.

Partendo dagli anni di formazione pisana, con appunti delle lezioni interne della Normale, e passando per i successivi rapporti con Renato Caccioppoli a Napoli, sede in cui ha avviato la carriera universitaria, i documenti si estendono a tutti gli anni Sessanta e Settanta, fino ad arrivare alla morte del professore avvenuta nel 1978.

Emerse nella loro completezza solo di recente, le carte documentano per quei decenni l’intensa attività di relazione e collaborazione con matematici in Italia e fuori, sia attraverso la corrispondenza personale e scientifica, sia attraverso la raccolta di opere e articoli di matematici a lui contemporanei.

Nella raccolta ci sono anche testi di Leonida Tonelli, Carlo Severini, Cesare Arzelà e, naturalmente, Renato Caccioppoli; mentre tra i contemporanei spiccano le figure di Enrico Magenes e di Ennio De Giorgi e dei moltissimi altri, italiani e stranieri, con i quali la collaborazione è stata stretta, il più delle volte amicale.

Il fondo (composto da appunti di studio, preprint, estratti dei propri lavori dalle riviste scientifiche, schemi per conferenze e corsi tenuti nelle università di tutto il mondo: Stampacchia ha insegnato anche a New York, Minneapolis, Parigi, Chicago e Brighton) è completato da una sezione iconografica con foto e video che documentano l’aspetto conviviale e amicale di tanti rapporti scientifici.

In questo contesto Pisa ha avuto un ruolo essenziale nella vita e nel percorso scientifico di Guido Stampacchia. L’Università è stata la prima e anche l’ultima sede di lavoro, alla Facoltà di Ingegneria dove ha collaborato intensamente con Piero Villaggio, poi alla Scuola Normale, vicino di stanza di Aldo Andreotti e di Ennio De Giorgi. Dopo la prematura scomparsa nell’aprile del 1978, il direttore della Scuola, Edoardo Vesentini, volle sottolineare il progetto coltivato dal professor Stampacchia di «fare scuola» matematica a Pisa. Inoltre, il dipartimento di Matematica dell’Università gli ha intitolato un’aula della sua sede.

«Il Dipartimento di Matematica “Renato Caccioppoli” della Federico II di Napoli – hanno ricordato i familiari di Guido – ha accettato con molta generosità la proposta della famiglia di ricevere e ordinare ulteriormente il fondo, per poi metterlo a disposizione degli studiosi. Si allarga così la documentazione finora a disposizione, con la quale la professoressa Silvia Mazzone ha pubblicato un pregevole profilo biografico e scientifico e steso una voce per la Treccani. Lo sviluppo e la ripresa della matematica italiana negli anni del secondo dopoguerra e il suo allacciare fecondi rapporti internazionali con altre scuole matematiche, trovano in queste carte ulteriori elementi di documentazione e occasione di ricerca».

(Fonte Università di Pisa)