Io non rischio

    2354
    io non rischio

    Grande impegno di Ingv. Oltre 8.000 volontari e volontarie di protezione civile saranno impegnati nelle piazze di circa 600 Comuni italiani

    Sabato 15 e domenica 16 ottobre, «Io non rischio – Buone pratiche di protezione civile» sarà nelle piazze italiane per la campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali.

    Scopo dell’evento è informare i cittadini sui rischi a cui è esposto il territorio in cui vivono e illustrare i buoni comportamenti da mettere in pratica in caso di alluvione, terremoto o maremoto. L’informazione sul rischio vulcanico sarà, invece, la novità di quest’anno  per i comuni dell’area flegrea in Campania e delle isole di Vulcano e Stromboli in Sicilia.

    L’Ingv, partner storico, porta nelle piazze i risultati della ricerca scientifica sui terremoti, maremoti e vulcani.  Con le stime di pericolosità, ad esempio, ogni cittadino informato può compiere le scelte giuste per proteggersi e adottare le azioni necessarie per mitigare i rischi a cui è esposto. Inoltre, conoscendo la storia geologica dei luoghi è possibile riconoscere le tracce di eventi passati e prepararsi ad affrontare le conseguenze dei fenomeni naturali che caratterizzano il territorio.

    «L’Ingv — spiega il Presidente Carlo Doglioni — è l’ente di ricerca impegnato nello studio, nel monitoraggio e la sorveglianza dei terremoti, dei maremoti e delle eruzioni vulcaniche, ed è una struttura operativa del Sistema Nazionale di Protezione Civile, condividendo i dati in tempo reale. L’Istituto è il punto di riferimento per conoscere le informazioni sugli eventi, non soltanto in situazioni emergenziali. È fondamentale coltivare la memoria, perché il conflitto permanente con l’oblio porta i cittadini ad abbassare la guardia nei confronti dei rischi naturali. La promozione della conoscenza e delle attività di prevenzione rendono i cittadini consapevoli e, quindi, parte attiva nella riduzione di tali rischi».

    Oltre 8.000 volontari e volontarie di protezione civile saranno impegnati nelle piazze di circa 600 Comuni italiani. Le piazze fisiche, inoltre, saranno integrate da altrettante piazze digitali dove, attraverso i social media, con le piattaforme di meeting a distanza e gli interventi in diretta, i cittadini e i volontari potranno confrontarsi sulla conoscenza del rischio e sulla prevenzione.

    La diretta streaming del 15 ottobre dalle ore 11:00,  organizzata in collaborazione con l’Istituto Cine-TV Roberto Rossellini di Roma, sarà trasmessa sui canali social della campagna e del Dipartimento della Protezione Civile e offrirà ai cittadini ulteriori spunti di riflessione e approfondimenti utili sui temi della Campagna e sulle buone pratiche di protezione civile.

    «Io non rischio» chiude gli eventi della Settimana Nazionale della Protezione Civile 2022 promossa dal Dipartimento della Protezione Civile e, quest’anno, la Campagna è stata insignita della «Medaglia del Presidente della Repubblica».

    Sul sito ufficiale iononrischio.protezionecivile.it e sui profili social della Campagna (Facebook, Twitter e Instagram) è possibile consultare materiali informativi, reperire informazioni utili e aggiornamenti sugli appuntamenti in programma.

    Nella mappa interattiva si possono intercettare gli eventi digitali e di piazza dell’edizione 2022.

     

    (Fonte Ingv)