Il primo strumento di monitoraggio aereo

2373
Qualità aria in volo
Tempo di lettura: 2 minuti

Sentinel-4 consegnato all’Esa da Airbus. I suoi dati consentiranno ai cittadini europei di conoscere meglio l’aria che respirano

Airbus Defence and Space ha consegnato all’Agenzia spaziale europea (Esa) il primo modello di volo dello strumento multispettrale Sentinel-4/UVN (Ultraviolet, Visible and Near Infra-Red). Sarà integrato nel satellite Meteosat Third Generation Sounder (MTG-S1) il prossimo anno.
Lo strumento monitorerà continuamente i principali gas traccia e gli aerosol che hanno un impatto sulla qualità dell’aria sopra l’Europa e il Nord Africa da un’orbita geostazionaria. Tra i gas in traccia che verranno monitorati vi sono: biossido di azoto (NO2), ozono (O3), biossido di zolfo (SO2), formaldeide, gliossale e aerosol, fondamentali per la valutazione della qualità dell’aria. Lo sviluppo e la produzione dello spettrometro Sentinel-4 per il programma Copernicus sono stati guidati da Airbus a Ottobrunn/Monaco. La comprensione della composizione atmosferica contribuirà a ridurre i rischi di fenomeni come i pennacchi di polvere del deserto, il trasporto a lungo raggio di inquinanti atmosferici, compresi i pollini, e i pennacchi di cenere delle eruzioni vulcaniche.
«Le misurazioni di Sentinel-4 aiuteranno i decisori a definire le politiche europee in materia di salute pubblica e di sicurezza del traffico aereo per proteggere i cittadini europei − ha dichiarato Philippe Pham, direttore di Earth Observation and Science di Airbus −. La combinazione di un satellite geostazionario e di uno strumento come Sentinel-4 permette di quantificare i gas traccia nell’atmosfera terrestre sopra l’Europa nel tempo record di circa un’ora».
Lo strumento Sentinel-4 è uno spettrometro ad alta risoluzione con un tempo di rivisitazione veloce che opera in tre bande che coprono le lunghezze d’onda dell’ultravioletto (305-400 nm), del visibile (400-500 nm) e del vicino infrarosso (750-775 nm).
Il primo modello dello strumento sarà imbarcato sul satellite MTG-S1, il cui lancio è previsto per il 2024, mentre il secondo, ancora da costruire, volerà a bordo di MTG-S2, il cui lancio è previsto per il 2034. L’obiettivo è garantire la disponibilità dei dati alla comunità scientifica nell’arco di due decenni.
Il satellite e il suo strumento saranno operati da Eumetsat, l’Agenzia europea per la gestione dei satelliti meteorologici. Lo strumento Sentinel-4 si basa sull’esperienza dei precedenti strumenti di successo dell’Esa, quali Sciamachy e Tropomi (a bordo di Sentinel-5P), anch’essi costruiti da Airbus.
La missione Sentinel-4 è un’iniziativa dell’Unione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea per il monitoraggio continuo dell’atmosfera sopra l’Europa. Insieme alla missione statunitense Tempo (Tropospheric Emissions: Monitoring of Pollution) e alla missione sudcoreana Gems (Geostationary Environment Monitoring Spectrometer), Sentinel-4 fornirà agli scienziati conoscenze fondamentali sulla qualità dell’aria in gran parte dell’emisfero settentrionale.

 

(Fonte Airbus)