Mangiare in città pensando alla campagna

271
mercato 25 PCatino
foto di Pina Catino

Rispetto a chi vive in campagna sono più ricercati i cibi tradizionali e c'è tanta voglia di «bio». Cambiano anche i nomi: i salumifici diventano «fattorie», il fruttivendolo è diventato il «frutteto» o «l'orto» e i vinai vendono i loro vini in enoteche o in «cantine» ( Docente di antropologia del comportamento alimentare - Università […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.