L’imbarcazione

133

È costruita interamente, con trochi di balsa. Questi sono stati trasportati dall’Equador, non sono stati trattati con nessun prodotto chimico per proteggerli dall’acqua, ma semplicemente sono stati scelti con specifiche naturali, che permettono di mantenere ancora una buona quantità di resina che consente una naturale impermeabilizzazione dei tronchi.
La «capanna» che ospiterà l’equipaggio e l’attrezzatura, invece sarà con canna di bambù. Il tutto assemblato e costruito senza nessun chiodo, o altro prodotto industriale. I tronchi sono legati tra loro con corde naturali. Le vele ugualmente saranno fissate e assicurate con sistema di nodi.
È stata costruita in Norvegia dove attualmente si trova, un modello in scala del Tangaroa originale.
A questa prima costruzione hanno partecipato insieme ai componenti dell’equipaggio, una classe di alunni di un Istituto peruviano che hanno dato il loro apporto tecnico e manuale, quindi sono stati scelti sei di questi per aiutare e condividere la prima fase della costruzione dell’imbarcazione a Lima, da circa una settimana il loro compito è terminato, e ora sono ritornati a casa.