I contenuti dell’ordinanza della Presidenza del consiglio sull’emergenza incendi

113

Uno dei punti fondamentali dell’ordinanza della Presidenza del Consiglio sull’emergenza incendi ha riguardato soprattutto la realizzazione del catasto degli incendi, una misura che spettava sino ad oggi ai sindaci dei Comuni o ai Presidenti delle Regioni e che invece, proprio grazie all’ordinanza, passa ora ai Prefetti che saranno chiamati a realizzare una mappa degli incendi avvenuti nel 2007. Il ministro dell’Interno, Giuliano Amato, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi ha poi dichiarato: «Siamo in presenza di responsabilità fortemente articolata». Amato rivela poi che le perimetrazioni sono già state fatte dalla polizia forestale «solo che non hanno il valore giuridico che servono per stabilire le limitazioni: i prefetti dovranno quindi solo fare le verifiche». Secondo Amato, è sbagliato sempre, sentendo la parola «forestali», pensare che sono la stessa cosa la polizia forestale e i forestali. La prima è infatti un corpo di polizia di 8.500 professionisti, addestrati, con una dipendenza funzionale molto definita; i forestali sono invece dei dipendenti regionali, che non hanno lo stesso addestramento. E quando i due si trovano nella stessa foresta non è detto che facciano insieme la stessa cosa. Per quel che riguarda gli incendiari denunciati finora, (243 e 8 quelli arrestati nel corso del 2007 per avere appiccato un incendio), il ministro dell’Interno Giuliano Amato ha precisato che «si può arrestare chi si prende in flagranza di reato e non è certo la cosa più facile». Lo stesso Amato tuttavia ha sottolineato l’auspicio che «in alcuni casi la valutazione giudiziaria possa essere più dura rispetto al passato».

(Fonte Corpo forestale dello Stato)