Il Centro d’avanguardia dove si reinventano le ossa

109

Ossa, articolazioni, denti. In questo delicato settore della medicina Firenze è da vari anni punto di riferimento in Italia e a livello internazionale per la presenza del Centro Traumatologico Ortopedico (Cto) e della Scuola Odontoiatrica. Ora dispone anche di un Centro per lo Studio della Biologia dei Tessuti Calcificati nelle Patologie Osteoarticolari, un’area con 35 unità fra personale clinico e di laboratorio (i ricercatori sono 22), già considerata di eccellenza per i casi più complicati, in particolare per l’indagine genetica.
Con Sede al Dipartimento di Medicina Interna di Careggi, lo ha progettato e dirige una studiosa di fama, Maria Luisa Brandi, docente di endocrinologia all’Università di Firenze, esperta di genetica e malattie del metabolismo. «Il Centro ? spiega ? ci consente di creare un punto di raccolta per tutte le specialità e di garantire sia la ricerca di base, sia quella con applicazioni cliniche, ovvero di sperimentare tecniche diagnostiche e terapeutiche innovative per la cura delle patologie dell’apparato scheletrico e dentario».

Grazie a queste tre strutture (Cto, Scuola, Centro) Firenze è cresciuta ulteriormente in termini di visibilità e di attività di ricerca. Nel campo delle malattie dell’osso sta vivendo una fase assai dinamica e promettente, con importanti ricadute anche a livello industriale. Finanziare questi progetti diventa dunque strategico per la città e l’intera Toscana.
È perciò che l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze ha contribuito con un investimento di 610mila euro a dotare il Centro delle più moderne attrezzature, necessarie a tenere il passo della competizione scientifica mondiale. Tra gli altri, un microscopio confocale per osservare il comportamento delle cellule, un sistema microarray per analizzare migliaia di geni insieme, un sequenziatore per studiare le sequenze dei geni.
«L’apporto delle nuove tecnologie nel campo della ricerca medica ? spiega la professoressa Brandi ? non è solo la naturale conseguenza di un processo metodologico, quanto soprattutto la condizione necessaria per sviluppare protocolli terapeutici ancora in fase di sperimentazione e per entrare con maggiore definizione nella trattazione di ogni singola patologia».

Il Centro opera su base interdisciplinare (ricercatori di base, metabolisti, endocrinologi, ortopedici, radiologi, odontoiatri, medici nucleari, ecc.) in tre diverse aree di ricerca.
1) La prima riguarda l’ingegneria dei tessuti per la riparazione di cartilagini e ossa. Si progettano cioè nuovi biomateriali per una chirurgia intelligente. Tra i risultati più brillanti, un sistema per ottenere cellule staminali in quantità illimitate (ricavandole non più dall’osso, ma dal grasso) e la stronzioapatite, sostanza capace di stimolare la costruzione di nuovo osso, determinante per curare l’osteoporosi, malattia diffusissima e tremenda. Ora se ne sta sintetizzando una in grado addirittura di impedire la distruzione dell’osso, cioè di sbarrare la strada all’osteoporosi.
2) La seconda area della ricerca è dedicata alla genetica dei disordini delle malattie ossee. E grazie alla strumentazione acquistata con i fonti dell’Ente Cassa di Risparmio è stato messo a punto il primo test capace di valutare il rischio di osteoporosi prima di ammalarsi.
3) Infine la terza area, riservata alla farmacogenetica. In proposito il Centro della professoressa


Brandi è il primo al mondo ad aver sperimentato e pubblicato il genotipo di una persona confrontato con la risposta a farmaci particolari (vitamina D, estrogeni, bifosfonati). Una procedura che consente di stabilire anche eventuali effetti collaterali.
(Info: Centro per lo Studio della Biologia dei Tessuti Calcificati nelle Patologie Osteoarticolari
Dipartimento di Medicina Interna, Viale Pieraccini 6, 50139 Firenze, Tel. 055.4296586, www.dmi.unifi.it, m.brandi@dmi.unifi.it
Ente Cassa di Risparmio di Firenze, via Bufalini 6, 50122 Firenze, Tel. 055.2613288, ente@entecarifirenze.it
Ufficio stampa: Emanuele Barletti, Tel. 055.2612012, Emanuele.barletti@entecarifirenze.it
Catola & Partners, via degli Artisti 15B, 50132 Firenze, Tel. 055.5522867/892, r.catola@flashnet.it).