Il trattato sulla biodiversità diventa legge

98

Dodici paesi europei e l’Unione Europea hanno ratificato il Trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche, portando a 48 il numero delle ratifiche necessarie per la sua entrata in vigore entro la fine di giugno: lo ha annunciato la Fao. Il trattato assicurerà che le risorse fitogenetiche per l’alimentazione e l’agricoltura, vitali per la sopravvivenza umana, siano preservate e usate in maniera sostenibile e che i vantaggi derivanti dalla loro utilizzazione siano distribuiti equamente.
«Questo accordo vincolante sarà fondamentale per la sostenibilità dell’agricoltura – ha dichiarato il Direttore generale della Fao Jacques Diouf -. Esso costituisce un importante contributo al conseguimento dell’obiettivo del Vertice mondiale sull’alimentazione di dimezzare entro il 2015 il numero delle persone sottoalimentate».
«Anni di negoziati multilaterali condotti sotto gli auspici della Commissione intergovernativa della Fao sulle risorse genetiche per l’alimentazione e l’agricoltura finalmente hanno avuto successo – ha dichiarato José Esquinas-Alcazar, segretario della Commissione -. Il Trattato offre una cornice legale internazionale che sarà un elemento chiave nell’assicurare la sicurezza alimentare, ora e in futuro. Adesso la sfida è di assicurare che il Trattato divenga operativo in tutti i paesi».