La mania dell’esotico

135

Nel momento in cui si interviene su un ecosistema, privandolo della sua varietà «naturale» per piegarlo alla necessità di una omogeneità commerciale, si vede che, dopo qualche tempo, le nuove coltivazioni diventano meno fertili, le speranze di resa economica diminuiscono. E occorre integrare il terreno, mediante concimi, con le sostanze che le successioni di coltivazioni […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.